Home page
La nostra storia
I responsabili
I medici
Scoliosi e dorso curvo
Mal di schiena
Consulenza ai tecnici
Per contattarci o arrivare al centro
Province di provenienza dei nostri pazienti
Link
E-mail
 

Ecco le risposte alle domande che più frequentemente ci vengono poste dai genitori sulla scoliosi e sul dorso curvo:

Scoliosi: che cos’è, quali sono le cause, come si riconosce e come evolve?

     

 

Che cos’è la scoliosi?

La scoliosi è una malattia che provoca delle deformazioni dello scheletro. Si può presentare con una o più curve laterali della colonna vertebrale e con una rotazione delle vertebre che provocano un gibbo  su un lato della schiena. Quando è accentuata causa anche disfunzioni negli organi interni, in particolare una riduzione della capacità respiratoria.

 

 

Quali sono le cause?

L’85% delle scoliosi sono considerate idiopatiche, cioè di origine sconosciuta. Si ritiene che siano numerosi i fattori coinvolti nell’insorgenza ed evoluzione della scoliosi: genetici, neurologici, biochimici, metabolici, di sviluppo, muscolari. Secondo i dati recenti della ricerca scientifica, i fattori neurologici sembrano essere quelli maggiormente responsabili della patologia ed in particolare incidono sul controllo della stabilità e dell’equilibrio della colonna.

 

 

La scoliosi è ereditaria?

La scoliosi idiopatica è familiare e il rischio di avere una scoliosi nei figli è del 30% se portatore della scoliosi è un genitore, del 50% se sono scoliotici ambedue. E’ quindi molto importante che un genitore scoliotico faccia controllare i propri figli nel corso della crescita ed in particolare all’inizio della pubertà (10-12 anni nelle femmine, 12-14 anni nei maschi).

 

Come si riconosce?

La scoliosi idiopatica si manifesta con segni particolari, che devono essere valutati con attenzione dal medico specialista, per poter fare una diagnosi corretta. L’esame clinico che permette di distinguere la scoliosi (vera malattia) da un atteggiamento scoliotico (difetto di postura), è la flessione del busto avanti da in piedi, con le gambe tese e le mani unite, esame che può essere fatto anche dai genitori.
Se c’è un inizio di scoliosi si formano una o più prominenze (gibbosità) a lato della colonna (a livello dorsale e/o lombare). Se con il busto flesso avanti non si evidenziano gibbosità o sporgenze su un lato della schiena, il difetto è un atteggiamento  scoliotico, che non richiede cure particolari.

 

Come evolve?

La maggior parte delle scoliosi sono chiamate “dell’adolescenza”, perché si aggravano soprattutto in corrispondenza della crescita. Il periodo di maggior aggravamento coincide con la pubertà, vale a dire con la maggior spinta di crescita staturale  (10-13 anni nelle femmine, 12-15 anni nei maschi) e continua fino al termine della maturazione ossea (1-2 anni dopo il termine della crescita staturale). In 8 casi su 10 la scoliosi si aggrava nel sesso femminile.

torna all'inizio

La soliosi: come si cura, a che cosa servono la ginnastica e il corsetto?

 

Come si cura la scoliosi lieve?

Il medico specialista, in base alla diagnosi e alla prognosi, prescrive la terapia adeguata.
Se la curva è lieve, e presenta un rischio ridotto di peggioramento, è utile la sola cinesiterapia (denominata anche ginnastica medica o, più comunemente, correttiva). Per essere efficace, deve essere personalizzata cioè adattata alle esigenze del singolo paziente.

 

Come si cura la scoliosi di media gravità?

Se nonostante la ginnastica la scoliosi si dimostra ugualmente evolutiva oppure al momento della scoperta ha già superato una certa soglia di gravità occorre indossare un corsetto. Questo può essere di tipo ascellare (il più comunemente usato), oppure di tipo Milwaukee (alto, con il collare). Se la deformazione ha già superato una certa soglia di gravità può essere indispensabile impiegare, per un certo tempo, un corsetto non amovibile. Anche nelle scoliosi trattate con corsetto è necessario fare molta ginnastica per evitare l’atrofia muscolare e aumentare l’effetto correttivo dell'apparecchio.

 

Come si cura la scoliosi grave?

Se la scoliosi non è adeguatamente curata, oppure è causata da particolari malattie, può evolvere fino a provocare gravi deformazioni. In questi casi è necessario un intervento chirurgico per arrestare  l’evoluzione e correggere parzialmente la deformità. Tuttavia è importante sapere che la scoliosi dell’adolescenza, se adeguatamente curata quando è ancora di modesta entità, non richiede mai l’intervento chirurgico.

 

A che cosa serve la ginnastica?

La ginnastica nella scoliosi lieve si propone due scopi essenziali:

1: Costruire un corsetto neuro-muscolare per offrire un maggiore controllo e una migliore stabilità alla colonna. Questo permette di ridurre il cedimento posturale che si somma alla deformità strutturale della scoliosi.

2: Creare automatismi riflessi di correzione che si integrano nei movimenti globali (ginnastica, giochi, sport).

Una maggior stabilità delle colonna consente in molti casi di arrestare la scoliosi o di frenare l’aggravamento. Nelle scoliosi di media gravità curate con il corsetto la ginnastica è indispensabile per prevenire l’atrofia dei muscoli e per favorire l’azione correttiva del busto.

 

A che cosa serve il corsetto?

Il corsetto, quando viene prescritto dal medico specialista, è indispensabile per arrestare l’aggravamento della curva scoliotica e per eliminare o ridurre in modo significativo le eventuali deformità già provocate dalla scoliosi, quali la spalla più bassa, il fianco più sporgente e le gibbosità nella schiena. Se il corsetto viene indossato fino al termine della maturazione ossea, a tempo pieno o a tempo parziale, secondo le indicazioni del medico e si esegue un’adeguata ginnastica, il risultato “estetico” sarà duraturo e mantenuto per sempre dopo la rimozione del corsetto.

torna all'inizio

È vero che il corsetto alto con il collare (tipo Milwaukee) può essere sostituito da un corsetto ascellare?

 

E’ vero che il corsetto alto con il collare (tipo Milwakee) può essere sostituito da un corsetto ascellare più facile da indossare?

E’ oggi possibile sostituire il corsetto alto, tipo Milwaukee, con il corsetto basso, tipo ascellare, nella quasi totalità dei pazienti. Il corsetto basso è meno invasivo e più facile da indossare, quindi meglio accettato dai giovani pazienti. I dati attuali della ricerca scientifica dimostrano che i corsetti ascellari sono più efficaci, permettono di ottenere un migliore modellamento estetico e sono psicologicamente meglio tollerati dai giovani adolescenti.

torna all'inizio

Il dorso curvo: quali sono le cause, come siriconosce, come evolve?

 

Che cos’è il dorso curvo?

Il dorso curvo (o ipercifosi) è un’accentuazione della curva fisiologica dorsale della colonna vertebrale. Nella forma più grave, oltre al danno estetico, provoca uno schiacciamento anteriore delle vertebre e un danno respiratorio. Il dorso curvo è talvolta localizzato nella parte bassa della colonna e viene chiamato anche “cifosi dorso-lombare”. A differenza della scoliosi, dà luogo più facilmente a dolori vertebrali in età adulta, in particolare nelle cifosi dorso-lombari.

 

Quali sono le cause?

Il dorso curvo (o ipercifosi) può essere di due tipi: idiopatico o da osteocondrite (o morbo di Scheuermann). Le cause del dorso curvo idiopatico sono sconosciute. Quello da osteocondrite (infiammazione delle cartilagini di  accrescimento dei corpi vertebrali) è causato da un’alterazione della cartilagine di accrescimento delle vertebre, che provoca una cuneizzazione anteriore dei corpi vertebrali e altri segni, erniature e irregolarità dei bordi vertebrali, facilmente identificabili sulle radiografie.

 

Come si riconosce?

Anche il dorso curvo, come la scoliosi, si manifesta con segni particolari, che devono essere valutati con attenzione dal medico specialista, per poter fare una diagnosi corretta. Per distinguere un dorso curvo (vera malattia) da un atteggiamento cifotico (difetto di postura) è sufficiente far eseguire un’estensione (raddrizzamento) della colonna verso l’alto: se la colonna dorsale è rigida e non si rettilineizza completamente è presente un dorso curvo (vera malattia), se invece si raddrizza è un atteggiamento cifotico (solo difetto di postura).

 

Come evolve?

Anche il dorso curvo, come la scoliosi, è chiamato “dell’adolescenza” perché si aggrava soprattutto nel periodo della crescita, e in modo particolare in corrispondenza della spinta puberale (10-13 anni nelle femmine, 12-15 anni nei maschi), fino al termine della maturazione ossea (1-2 anni dopo il termine della crescita staturale).
In 8 casi su 10 il dorso curvo si aggrava nel sesso maschile.

torna all'inizio

Dorso curvo: come si cura, a che cosa servono la ginnastica e il corsetto?

 

Come si cura il dorso curvo lieve?

Il medico specialista, in base alla diagnosi e alla prognosi, prescrive la terapia adeguata.
Se l’accentuazione della curva è lieve, è utile la cinesiterapia (denominata anche ginnastica medica o, più comunemente, correttiva). Per essere efficace, deve essere adattata ad ogni singolo paziente.

 

Come si cura il dorso curvo di media gravità?

Se nonostante la ginnastica il dorso curvo si dimostra ugualmente evolutivo, oppure al momento della scoperta ha già superato una certa soglia di gravità, occorre indossare un corsetto. In alcuni casi può essere indispensabile impiegare, per un certo tempo, un corsetto non amovibile.
Anche nel dorso curvo trattato con corsetto è necessario fare molta ginnastica per evitare l’atrofia muscolare e aumentare l’effetto correttivo del corsetto.

 

Come si cura il dorso curvo grave?

Se il dorso curvo non è adeguatamente curato, oppure è causato da particolari malattie, può evolvere fino a provocare gravi deformazioni. In questi casi è necessario un intervento chirurgico per correggere la deformità. Tuttavia è importante sapere che il dorso curvo dell’adolescenza, se adeguatamente curato, non richiede mai l’intervento chirurgico.

 

A che cosa serve la ginnastica?

La ginnastica nel dorso curvo si propone due scopi essenziali:

1: Elasticizzare le zone rigide della colonna.

2: Rafforzare la muscolatura per offrire una buona correzione e stabilità in postura eretta.

 

A che cosa serve il corsetto?

Nel trattamento del dorso curvo, se il corsetto viene indossato secondo le prescrizioni del medico, si ottiene, oltre al risultato “estetico” di raddrizzamento della cifosi, anche la diminuzione della curva presente sulla radiografia. Una ginnastica adeguata è fondamentale per ottenere il miglior risultato possibile.

torna all'inizio

Le radiografie: sono sempre necessarie? Quante sene possono fare? Sono pericolose?

 

Le radiografie: sono sempre necessarie? Quante se ne possono fare in un anno?

Le radiografie, quando sono prescritte dal medico, sono necessarie per valutare la reale entità e la natura della scoliosi e della cifosi. Generalmente il medico specialista le richiede all’inizio per formulare una diagnosi corretta e quindi prescrivere, se necessario, le terapie adeguate. Successivamente, in base all'evoluzione dei segni clinici esterni può richiedere, se necessaria, una radiografia annuale oppure, più raramente, dopo 6 mesi.

 

E’ vero che le radiografie sono pericolose?

Una ricerca condotta a Oxford in Inghilterra, presentata nel 1992 a un congresso Internazionale in Canada, ha dimostrato che le apparecchiature radiografiche moderne, con i filtri alle terre rare, hanno ridotto drasticamente il rischio di radiazioni.
Gli autori dello studio hanno paragonato il rischio di danno all’organismo provocato da una radiografia alla colonna vertebrale al danno causato dal fumo di una sigaretta! I risultati di questa ricerca non devono indurre all'abuso di radiografie, che devono essere fatte solo quando sono prescritte dal medico specialista.

torna all'inizio

Influenza dello sport, delle posizioni scomposte, dello zainetto scolastico sulla scoliosi e sul dorso curvo.

 

Qual è l’influenza dello sport sulla scoliosi e sul dorso curvo?

Sovente i genitori pongono la domanda sull’influenza dell’educazione fisica scolastica e dello sport nel giovane portatore di scoliosi e di dorso curvo. L’attività fisica e lo sport devono essere considerati inscindibilmente legati alla cinesiterapia di cui rappresentano per così dire il “versante attivo”. La colonna di un soggetto che ha appreso gli “schemi motori corretti” durante le sedute di cinesiterapia, risponde alle sollecitazioni di carico e di squilibrio nel corso delle attività motorie con reazioni riflesse di tipo correttivo, anziché deformanti. E’ quindi non solo utile ma addirittura necessario svolgere, come completamento alla cinesiterapia, anche delle attività di tipo sportivo.

 

Tutti gli sport sono utili per la scoliosi e la cifosi?

Tutte le attività motorie, comprese quelle sportive, non sono mai dannose se praticate in forma ricreativa due o tre volte alla settimana. Esse permettono l’allenamento di qualità fisiche e lo sviluppo di un’immagine “positiva” del proprio corpo, necessari per una crescita sana ed equilibrata di un giovane adolescente.

 

E’ possibile praticare attività motorie a livello intenso o agonistico?

Se le attività motorie o sportive sono praticate a livello intenso o agonistico, è consigliabile praticare sport in carico (tipo volley, basket, calcio, tennis, atletica, pattinaggio , ecc.) perchè sviluppano la muscolatura antigravitaria e sollecitano le reazioni di equilibrio.
Per la scoliosi è consigliabile evitare le attività motorie (tipo danza) e sportive (tipo nuoto, ginnastica ritmica e artistica, ecc.) a livello agonistico, sollecitano la colonna in estensione o ne aumentano la flessibilità, favorendo l’aggravamento della curva. Tali attività sono invece utili se la scoliosi è protetta da un corsetto nelle ore successive alla loro pratica.
Per il dorso curvo non sono adatti gli sport (tipo ciclismo, boxe, ecc.) e alcuni esercizi eseguiti con le macchine, tipo fitness, che sollecitano intensamente la colonna in flessione.

 

E’ vero che il nuoto cura la scoliosi?

Ci sembra importante ricordare un luogo comune oramai sfatato da tempo: quello del nuoto, come “toccasana” della scoliosi. In passato, quando si riteneva che levare il paziente dall’azione nefasta della forza di gravità potesse avere un effetto terapeutico, il nuoto, in quanto condotto in scarico, veniva considerato lo sport ideale. Oggi si sa invece che, in un soggetto affetto da scoliosi, è più importante potenziare le capacità di opporsi alla forza di gravità e che, quindi, in questo senso è utile praticare degli sport in carico. Il nuoto, se praticato intensamente, rende la colonna più flessibile e quindi più facilmente deformabile. Inoltre, è stato dimostrato che nelle scoliosi con una deformazione toracica superiore ad una certa soglia, il nuoto non solo non è una panacea, ma è addirittura dannoso, in quanto sviluppa un meccanismo rotatorio autodeformante, provocato dalle respirazioni forzate e dalla pressione esterna dell’acqua sul cilindro toracico deformato. Il nuoto è invece indicato nei giovani che indossano un corsetto.

 

E’ vero che gli sport asimmetrici, come il tennis e la scherma, possono causare o far peggiorare la scoliosi?

I dati della ricerca scientifica hanno sfatato un altro luogo comune: quello degli sport asimmetrici come “nocivi” per lo scoliotico. E’ stato dimostrato che la frequenza della scoliosi è identica nei soggetti che fanno sport simmetrici e asimmetrici. Il tennis o la scherma possono sviluppare di più i muscoli di un lato, ma mai provocare o far peggiorare una scoliosi.

 

E’ vero che l’equitazione fa peggiorare la scoliosi e la cifosi?

Anche questo è un luogo comune da sfatare. I buoni maestri insegnano sempre a tenere un portamento corretto sul cavallo. Inoltre l’andatura del cavallo sollecita reazioni di equilibrio molto utili per i pazienti che hanno imparato, durante le sedute di cinesiterapia, a eseguire e a mantenere l’autocorrezione sui piani instabili.

 

Qual’ è l’influenza delle posizioni scomposte sulla scoliosi e sul dorso curvo?

Stare in una posizione seduta scorretta per molte ore al giorno sui banchi scolastici, o a casa davanti al televisore o al video, può causare l’integrazione nel sistema nervoso centrale di una postura errata permanente, cioè un atteggiamento scoliotico o cifotico. Queste posture scorrette non possono causare una scoliosi, tuttavia, se mantenute a lungo, possono favorire l’evoluzione di un dorso curvo. Occorre tuttavia precisare che tali posture, sebbene antiestetiche, non sono mai dannose se non vengono mantenute a lungo. Pertanto è consigliabile favorire le posture corrette, con una sedia e un tavolo (o banco) di altezze adeguate e un piano di lettura inclinato (leggio), ma ancora più utile è evitare le posture sedentarie prolungate, alternandole con pause, anche brevi, di movimento.
(vedi: Consigli ai bambini per difendere la colonna vertebrale)

 

Qual è l’influenza dello zainetto scolastico sulla scoliosi e sulla cifosi?

Sovente i genitori si pongono la domanda sull’influenza dello zainetto scolastico. Per quel che si sa sinora, portare una cartella o uno zaino, anche pesanti, per pochi minuti non è dannoso; il problema può insorgere solo dopo 15’ – 20’, compatibilmente con il rapporto tra la muscolatura del ragazzo ed il peso dei libri. Sicuramente per un ragazzo che fa dello sport, con dei muscoli sufficientemente allenati, il portare la cartella diventa uno stress positivo. Tuttavia, anche per chi fa poco movimento, è bene ricordare che la cartella rappresenta uno dei pochi momenti in cui si richiede alla colonna uno sforzo nel corso della giornata, oltretutto quasi sempre di breve durata, quindi raramente affaticante o dannoso.
(vedi: Decalogo per l'uso dello zainetto scolastico)

torna all'inizio

Scoliosi e dorso curvo: come si aggravano in età adulta, influenza sulla gravidanza e sul mal di schiena.

La scoliosi si aggrava in età adulta?

La spinta evolutiva della scoliosi cessa con il termine della maturazione ossea .E’ stato dimostrato che le curve inferiori a 20 – 30 gradi evolvono difficilmente in età adulta. Se la scoliosi supera i 20-30 gradi, è possibile una lenta evoluzione della curva ( da 0,5 a 1 grado all’anno). Il mantenimento di una buona forma fisica generale e di un buon tono della muscolatura antigravitaria, in particolare dei muscoli addominali e dorsali, favorisce una maggiore stabilità della colonna evitando l'evoluzione della curva nel tempo.

 

Il dorso curvo si aggrava in età adulta?

La spinta evolutiva del dorso curvo cessa con il termine della maturità ossea. Tuttavia, la postura verticale dell’essere umano e le posizioni abituali in flessione della vita quotidiana, provocano un carico continuo sulla colonna che favorisce l’aggravamento del dorso curvo in età adulta. La migliore prevenzione è rappresentata da un adeguato esercizio fisico e dalle posture corrette di lavoro.

 

La scoliosi e il dorso curvo sono dannosi per la gravidanza?

I dati della ricerca scientifica hanno ampiamente dimostrato che la scoliosi e il dorso curvo non sono dannosi per la gravidanza. E’ tuttavia consigliabile in gravidanza eseguire adeguati esercizi di ginnastica per prevenire il mal di schiena.

 

La scoliosi causa il mal di schiena in età adulta?

I dati della ricerca scientifica hanno dimostrato che i pazienti con scoliosi hanno la stessa probabilità di avere mal di schiena dei soggetti senza scoliosi. Tuttavia, gli scoliotici, hanno maggiori probabilità di avere un mal di schiena più intenso e più duraturo nel tempo. Per tale motivo si consiglia agli adulti con scoliosi di mettere in atto le istruzioni dettate dalla "scuola della schiena".

 

Il dorso curvo causa il mal di schiena in età adulta?

Il dorso curvo, contrariamente alla scoliosi, è un importante fattore di rischio per il mal di schiena e per il male al collo in età adulta. Il rischio è particolarmente elevato per i pazienti con un’accentuata cifosi alta (dorso-cervicale) o con una cifosi bassa (dorso-lombare). Per questi motivi si consiglia di mettere in atto le istruzioni dettate dalla “scuola della schiena”.

torna all'inizio

2004 - © Centro scoliosi e patologie vertebrali